Venerdì 12 aprile alle 21 al Nest Se questo è un uomo: dall’opera di Primo Levi reading a cura di Daniele Salvo




 

NEST

 

Napoli Est Teatro 

  


venerdì  12 aprile h 21.00 


"SE QUESTO E' UN UOMO" 

  

dall'opera di Primo Levi


con Alfonso Veneroso, Martino Duane, Patrizio Cigliano, Simone Ciampi

reading a cura di Daniele Salvo.


scene Fabiana Di Marco, costumi Giovanna Stinga, luci Luca Palmieri, Audio Fabrizio Cioccolini, direttore di scena Matteo Palmieri, direzione amministrativa Alessia Nardecchia, Grafica Marco Animobono.


Ghione Produzioni




Alcune delle pagine più belle dell'opera di Primo Levi "Se questo è un uomo" sono riproposte sulla scena del Teatro Nest, venerdì 12 aprile ore 21, in un reading curato da Daniele Salvo. A interpretarle sono le quattro voci di Alfonso Veneroso, Martino DuanePatrizio Cigliano e Simone Ciampi. 

"Tra il 1940 e il 1945 alcuni uomini sparirono improvvisamente nel gorgo della Storia. Erano uomini comuni, di razze, lingue, provenienze diverse. Uomini che da un giorno all'altro, senza alcuna avvertenza, vennero gettati violentemente nella realtà allucinante di Auschwitz, Birkenau, Mauthausen, Buchenwald e di molti altri Lager nazisti, nel cuore di quella che oggi è la moderna Europa. Di loro non restò nulla, di molti non si seppe più nulla. Cosa significa oggi, 70 anni dopo, affrontare ancora una volta lo sterminio nazista ed interrogarsi sui motivi e sulle ragioni storiche che portarono l'umanità al periodo più buio della sua storia? In periodo di revisionismo, memoria a breve termine, canzonette, fiction televisive, teatro d'intrattenimento, pornografie performative, reality show ed eroi di un giorno, incontrare la voce di Primo Levi, porta a profonde riflessioni sul senso della nostra vita.

In anni di conformismo, viltà, superficialità, vuoto di intenti ed ideali, in anni in cui i "giovani" vengono strumentalizzati, piegati al mercato, ridotti a consumatori senza personalità, la testimonianza di Levi parla direttamente alle nostre coscienze, ci scuote violentemente, mette in campo sentimenti ed emozioni private e profondissime. Molti uomini in quegli anni morirono per noi, per assicurarci un futuro possibile, una speranza di civiltà. Noi oggi, frivoli abitatori del nostro tempo, noi, convinti che la LIBERTA' sia qualcosa di certo o scontato, abbiamo una immensa responsabilità, dobbiamo assolutamente mantenere una promessa scritta con il sacrificio e il sangue. Con la distanza del tempo non dobbiamo, non possiamo dimenticare e ci permettiamo di entrare nella stanza di Levi, in punta di piedi e con estrema attenzione e profondo rispetto, tentando di restituire alle sue memorie l'inaudita umanità e la straordinaria forza della sua voce perduta. Voce sincera e potente che ci porta direttamente ed inavvertitamente nel cuore del Novecento, al centro del petto di chi è stato offeso ed umiliato".  ( Daniele Salvo) 


COSTO BIGLIETTO: 12 EURO comprensivo del servizio navetta


RIDOTTO: 10 EURO  under 29 e over 65


PARTENZA NAVETTA: PIAZZA BOVIO


ORARI PARTENZE: 20.00 

RITORNO A FINE SPETTACOLO A PIAZZA BOVIO



Prenotazione obbligatoria al numero 333 322 3780 

PER INFO teatronestt@gmail.com - www.compagniateatronest.it


INFO E CONTATTI


 









Post popolari in questo blog

Carros De Foc per la prima volta in Italia: arte musica e gusto al Nabilah per una tre giorni d'eccezione

Taste Nic: pasquetta dai sapori stellati in riva al mare al Nabilah

Dal 2 maggio Pentalogy: cinquanta fotografi in mostra alla Federico II per mostrare le varie facce della scienza

Domenica 28 aprile “Illuminiamo il Volley” sul lungomare Caracciolo: per vincere insieme

Mercoledì 17 aprile arriva L'Happy Pasqua Day per portare un sorriso al sapore di cioccolato agli anziani ospiti di Villa Flegrea

Due proposte di legge a favore della musica nelle scuole: che si studi sin dall'infanzia e che la sua sua storia sia insegnata nei licei

Domani, giovedì 18 aprile, “La mafia è buona!”: presentazione del volume di Catello Maresca e Paolo Chiariello. Un momento per riflettere sulle nuove frontiere della criminalità organizzata