Mercoledì 6 giugno, alle 15.30, nella partenopea Facoltà teologica tavola rotonda su ideologie sulla libertà religiosa nella Spagna contemporanea e sulla storia degli ebrei spagnoli

Alla Sezione San Luigi della Pontificia Facoltà teologica dell'Italia meridionale di Napoli


Ideologie sulla libertà religiosa della Spagna di ieri e di oggi



In vista della visita del Santo Padre, gli studiosi dell'Ateneo napoletano presentano - il giorno 6 giugno 2019 dalle ore 15,30 - "Il lungo cammino verso la fraternità: ideologie sulla libertà religiosa nella Spagna contemporanea e storia degli ebrei spagnoli".



La tavola rotonda che precede la visita di Papa Francesco al convegno del 20 e del 21 giugno, ruota attorno l'evoluzione della libertà religiosa in Spagna dal XIX secolo a oggi. Attraversando la storia degli ebrei, il 6 giugno, presso la Pontificia Facoltà Teologica dell'Italia Meridionale, verranno trattati temi che aiuteranno a mettere a fuoco quanto sia difficile il cammino verso la fratellanza umana, come dimostra il recente documento di Abu Dhabi fra Papa Francesco e il grande Imam di Al-Azhar. Presente al dialogo interreligioso saranno, Nitai Shinan dell'Università Ebraica di Gerusalemme e il professore Davide Aliberti dell'Università di Napoli "L'Orientale". Intorno alla tavola -  moderata dal professore della PFTIM Carlo Manunza - lo storico della Biblioteca Nazionale d'Israele (Israeli National Library) analizzerà l'evoluzione del pensiero di Emilio Castelar, in seguito al suo viaggio in Italia, dalle posizioni antisemite all'attività parlamentare in favore della libertà di culto.

Dall'altro capo del tavolo, il professore dell'Università partenopea tratterà l'evoluzione della legislazione in materia di libertà di culto nella Spagna del XX secolo e delle principali iniziative prese dal Governo in favore degli ebrei. "L'intervento propone una riflessione sulle ragioni che hanno portato il Governo spagnolo ad approvare la legge del 2015 per la naturalizzazione degli ebrei sefarditi" -  afferma Aliberti - "a tale scopo percorreremo le principali tappe del lungo processo di normalizzazione della vita religiosa ebraica in Spagna soffermandoci sulle attività della Amistad Judeo-Cristiana durante il franchismo".

Al fine di individuare i punti salienti del percorso di regolarizzazione della vita religiosa ebraica in Spagna verrà anche preso in esame il pensiero di José Amador de los Ríos, primo e più influente storiografo degli ebrei in Spagna, di cui Nitai Shinan è il più autorevole studioso a livello internazionale. Il confronto con la storia e l'esperienza spagnola aiuterà a tracciare linee guida eludendo letture adulteranti, se non manipolatorie dei testi biblici e del IV Vangelo in particolare.


Post popolari in questo blog

Tumori testa-collo: Fino al 20 settembre a Napoli in piazza la campagna "Tieni la Testa sul Collo. Un controllo può salvarti la vita"

Giovedì 3 ottobre in programma il party inaugurale di Villa di Donato. Al via una grande stagione di eventi

Fino al 29 ottobre Festival dell'Essere ad Elea/Velia - Paestum - Padula - Salerno